Emidio Nardini è nato nel 1951 ad Ascoli Piceno. Madre maestra, padre impiegato, ha studiato ad Ascoli sino alla maturità scientifica e s’è laureato in medicina a Roma con il massimo dei voti. Da allora ha sempre lavorato prima come interno poi strutturato, nel reparto di cardiologia, nell’Unità di terapia intensiva dell’ospedale di Ascoli.

Ha conseguito due specializzazioni la prima in Malattie dell’apparato respiratorio e Tisiologia, poi in Cardiologia, da ultimo un Master Universitario in Cardiologia Pediatrica. E’ in pensione dal febbraio 2019.

E‘ stato sposato e ha un figlio, Marco, specializzando in chirurgia toracica e che opera in Inghilterra.

Da sempre a sinistra e attento alle vicende politiche nazionali e cittadine, è stato consigliere di opposizione al Comune di Ascoli con la lista primavera di Ascoli dal 2009 al 2015.

Appassionato di letture, di saggistica, di ricerca e discussioni, ha partecipato settimanalmente per molti anni agli incontri di analisi collettiva di Massimo Fagioli, sino alla sua scomparsa nel 2017 . E’ iscritto al CAI (Club Alpino Italiano), all’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d'Italia) ed è socio della Società Filarmonica Ascolana.

Avviato adolescente all’alpinismo dall’istruttore nazionale Peppe Fanesi è ancora attivo sulle   falesie ascolane e del centro Italia.

Dal marzo 2019 è candidato sindaco ad Ascoli Piceno del Comitato Civico  Ascolto & Partecipazione alle prossime elezioni comunali del 26 maggio.


PROGRAMMA ELETTORALE
PROGETTO ASCOLI:

l'idea di una città partecipata  da costruire insieme ai cittadini


VAI A CONOSCERE I CANDIDATI CHE MI SOSTENGONO